Allergia e PNL: una possibile soluzione

17 April, 2010

allergiaPossiamo davvero risolvere alcuni tipi di allergia con la PNL?

La primavera è arrivata e, come ogni anno, alcuni miei amici e conoscenti hanno iniziato a starnutire, lacrimare e sviluppare alcune reazioni allergiche. Ritengo che, in molte occasioni, il semplice fatto che una persona sappia cosa aspettarsi faccia scatenare la reazione…

Affermazione forte? Vediamo!

Partiamo con un po’ di storia… L’immunologo Michael Levi, vincitore di un prestigioso premio della World Health Association per i suoi lavori che dimostravano i legami tra i virus e le infezioni, descrisse le allergie come una sorta di fobia che il sistema immunitario sviluppa in risposta ad una particolare sostanza. Da questa prospettiva, qualcosa di innocuo (ad esempio il polline) diventava pericoloso e faceva entrare il sistema immunitario in panico.

Hai mai notato che alcune reazioni allergiche, in alcuni momenti (ad esempio prima di addormentarsi) scompaiono?

Così come una fobia, anche un’allergia è una risposta condizionata. Alcune ricerche nel campo della psiconeuroimmunologia (condotte dallo psicologo Robert Ader e altri) hanno dimostrato come le allergie possono essere infatti condizionate più o meno come Pavlov ha fatto con i suoi famosi cani.

In un interessante studio, alcuni porcellini d’India furono sovraesposti ad una sostanza chimica fino a diventarne allergici. Successivamente continuarono l’esperimento aggiungendo alla presenza della sostanza anche un profumo specifico. Infine i ricercatori fecero annusare ai porcellini solamente quel profumo (senza esporli alla sostanza chimica per la quale avevano sviluppato l’allergia) e nelle cavie si scatenò comunque la reazione allergica completa con conseguente rilascio di istamina, così come se fosse stato presente l’allergene.

Altro esempio eclatante fu presentato dal dott. John MacKenzie che stava trattando una persona con l’allergia per le rose. Prima della sessione mise nel suo studio una rosa finta e, non appena la paziente entrò nella stanza e vide la rosa (senza rendersi conto che non era reale) iniziò a sviluppare sorprendentemente un’intensa reazione allergica.

Ulteriori esperimenti hanno dimostrato come le nostre convinzioni e aspettative sulle allergie possono giocare un ruolo determinante nella reazione del nostro organismo.

Seguendo l’idea del dott. Levi, vale a dire che l’allergia si comporta come una fobia, Robert Dilts (che fu il primo e storico apprendista di Bandler e Grinder e co-sviluppatore della PNL) riprese la tecnica del “fast phobia cure” e la adattò a questo contesto.

Alla base del suo approccio c’è proprio l’idea che il nostro sistema immunitario si può “allenare”: allo stesso modo in cui può essere condizionato nello sviluppare un’allergia, così può essere ri-educato a rispondere in modo tranquillo ad una sostanza che in precedenza era stata marchiata come “nociva”.

Visto che è periodo ho pensato di postare la tecnica così da poterti cimentare e vederne i risultati. Se hai frequentato un PNL Practitioner dovresti essere in grado di seguire i passi con facilità.

1. Fai riaccedere mentalmente la persona allo stato: “come ti senti quando sei in presenza dell’allergene”? Nota le reazioni fisiologiche, il respiro, i movimenti oculari, ecc.

2. Stabilisci lo stato desiderato e testa l’ecologia: come si vuole sentire in presenza della sostanza? Come sarebbe la sua vita senza allergia? Nota se eventualmente ci possono essere conseguenze in qualche modo negative. Se è tutto ok procedi al punto 3.

3. Trova un controesempio: c’è mai stata una volta in cui la persona è stata vicina all’allergene (o ad una sostanza molto simile) e il sistema immunitario ha risposto in modo appropriato anziché con la reazione allergica? Se sì, falla accedere allo stato e àncoralo (A).

4. Dissocia la persona. Chiedi alla persona di immaginare uno schermo in plexiglass che va da una parete all’altra e che la ripara. Poi chiedile di vedere se stessa dall’altra parte dello schermo (sempre con l’àncora positiva attivata) mentre dispone della nuova risorsa che ha imparato (A).

5. Falle immaginare di introdurre gradualmente dall’altra parte dello schermo di plexiglass la sostanza che prima le creava il problema e falle notare come l’altra “se stessa” è tranquilla e il suo sistema ha imparato come comportarsi in presenza di quell’elemento (àncora A sempre attiva).

6. Riassociala. Porta la persona indietro nel suo corpo facendole immaginare che si trova in presenza della sostanza (mentre continui a tenere l’àncora A attiva).

7. Ricalco nel futuro. Falle immaginare una situazione futura in cui si troverà in presenza della sostanza e si sentirà completamente a suo agio, poiché ora il suo sistema immunitario “possiede la conoscenza della risposta appropriata a quella situazione”.

8. Test

ATTENZIONE BENE: è evidente che nel caso di un’allergia grave (ad esempio in mancanza di qualche enzima particolare) è da EVITARE accuratamente l’applicazione di questa tecnica! Confido nel tuo buon senso e ti sprono ad accertarti di fare le cose propriamente… Innanzitutto è fondamentale capire la differenza tra un’allergia che può causare uno shock anafilattico e una semplice allergia ai pollini…

A questo punto ti auguro un buon allenamento e fammi sapere come è andata :-)

Tags: , , , , , , ,
| Commenti (9)



9 Commenti per: “Allergia e PNL: una possibile soluzione”



  1. Rolando

    Articolo a 5 stelle!
    E’ raro trovare chi espone in maniera così dettagliata informazioni così preziose.

  2. Alessandro Mora

    Ciao Rolando,
    grazie mille per le 5 stelle 😉
    Credo fortemente nel dare innanzitutto cose di valore alle persone e mi fa molto piacere che venga apprezzato!
    Rimani collegato, prossimamente altre info preziose!

    Buona giornata

  3. Claudio Gilberti

    La scorsa settimana ho incontrato Alessandro all’Excellence coaching tenutotosi a Reggio Emilia, da circa quindici anni ho allergie ai pollini a fasi alterne e proprio in concomitanzqa con questo corso ero in fase allergica acuta…facendola breve, potete immaginare da soli che partecipare ad un corso avendo come principale compagnia l’allergia non è il massimo, cosi durante una pausa vado da Alessandro chiedendogli se si può fare qualcosa per calmare tale stato allergico…dopo poco mi ritrovo con Alessandro che mi guida nell’esercizio descritto nel suo post, durata 10/15 minuti circa…risultato finale crederci o no allergia sparita…”miracolo”, “suggestione”…non so, so solo che ancora oggi stò alla grande senza quei fastidiosi starnuti…Grazie Alessandro!!!

  4. Alessandro Mora

    Ciao Claudio, innanzitutto grazie per la testimonianza :-)

    Credo veramente tanto che in molti casi il nostro sistema immunitario possa essere aiutato a “imparare” a rispondere in modi diversi. L’essere umano è una macchina di apprendimento fenomenale…
    Nessun “miracolo” quindi, ho semplicemente utilizzato ciò che il tuo organismo sa già fare benissimo: IMPARARE! Il mio primo obiettivo con i corsi che tengo e con questo blog è proprio il diffondere al grande pubblico queste informazioni e strategie favolose.

    Perciò grazie ancora per la tua testimonianza “live! :-) Un salutone

  5. Daniela (senzapanna)

    l’ho sperimentato anche io e funziona.

    Anzi l’ho applicato ad altre situazioni, trovo questo metodo del vetro molto utile per dissociarsi da altri “fastidi”

  6. dragoncitygemmes.blogspot.fr

    Greetings! Very helpful advice within this post! It is the little
    changes that make the largest changes. Many thanks
    for sharing!

  7. Tube Viper X Review

    Currently it appears like WordPress is the best blogging platform out there right
    now. (from what I’ve read) Is that what you’re using on your blog?

  8. tube viper x

    Incredible story there. What occurred after?

    Take care!

  9. lose weight fast easy and safe

    With havin so much content and articles do you ever run into any issues of plagorism or
    copyright violation? My site has a lot of exclusive content I’ve either created myself or outsourced but it
    seems a lot of it is popping it up all over the web without my
    permission. Do you know any methods to help protect against content from being ripped off?

    I’d truly appreciate it.

Corsi di PNL Ekis

Master in Coaching