Come superare la paura del giudizio e delle critiche con la PNL

15 June, 2010

Oggi voglio affrontare un tema molto caldo che, soprattutto quando faccio sessioni di personal coaching con sportivi di alto livello o persone esposte al pubblico e alla stampa, incontro spesso: sto parlando della paura del giudizio e delle critiche.

Come puoi intuire l’argomento è vastissimo. Oggi ho deciso di trattarlo in un modo particolare, riportandoti una storia che ho letto un giorno in un bar (grazie alla mia Noe che me l’ha recuperata :-) ). Mi trovavo in un paesino nell’entroterra pugliese ed ero seduto a prendere il caffè quando ho notato un foglio su una colonna… si trattava di una storia e, con il potere ipnotico che le storie hanno su di me, ho iniziato a leggere…

paura giudizio e criticaC’era una volta una coppia con un figlio di 12 anni e un asino. Decisero di viaggiare, di lavorare e di conoscere il mondo. Così partirono tutti e tre con il loro asino.

Arrivati nel primo paese, la gente commentava: “guardate quel ragazzo quanto è maleducato… lui sull’asino e i poveri genitori, già anziani, che lo tirano”. Allora la moglie disse a suo marito: “non permettiamo che la gente parli male di nostro figlio”. Il marito lo fece scendere e salì sull’asino.

Arrivati al secondo paese, la gente mormorava: “guardate che svergognato quel tipo… lascia che il ragazzo e la povera moglie tirino l’asino, mentre lui vi sta comodamente in groppa”. Allora presero la decisione di far salire la moglie, mentre padre e figlio tenevano le redini per tirare l’asino.

Arrivati al terzo paese, la gente commentava: “pover’uomo! Dopo aver lavorato tutto il giorno, lascia che la moglie salga sull’asino. E povero figlio, chissà cosa gli spetta, con una madre del genere! Allora si misero d’accordo e decisero di sedersi tutti e tre sull’asino per cominciare nuovamente il pellegrinaggio.

Arrivati al paese successivo, ascoltarono cosa diceva la gente del paese: “sono delle bestie, più bestie dell’asino che li porta. Gli spaccheranno la schiena”. Alla fine, decisero di scendere tutti e camminare insieme all’asino.

Ma, passando per il paese seguente, non potevano credere a ciò che le voci dicevano ridendo: guarda quei tre idioti: “camminano, anche se hanno un asino che potrebbe portarli!”

Conclusione: se ti muovi e fai le cose (ma anche se stai a casa a non far nulla!!!) troverai sempre persone che ti criticheranno o che parleranno male di te. Il più delle volte non ce l’hanno neppure con te personalmente, semplicemente “devono” trovare qualcosa da dire a qualcuno. Quindi, vivi come credi e fa ciò che vuoi senza pre-occuparti di quello che pensano gli altri.

Una volta Charlie Chaplin disse: “Ti criticheranno sempre, parleranno male di te e sarà difficile che incontri qualcuno al quale tu possa piacere cosi come sei! Quindi vivi, fai quello che ti dice il cuore. La vita è come un’opera di teatro, che non ha prove iniziali: canta, balla, ridi e vivi intensamente ogni giorno della tua vita, prima che l’opera finisca senza applausi…

Se ti sei reso conto che lasci troppo spazio e dai troppa importanza alle critiche e al giudizio degli altri, un ottimo strumento di Programmazione Neuro Linguistica che insegnamo al PNL Practitioner e che puoi utilizzare sono le sottomodalità: lavora sulla struttura delle immagini e soprattutto sul dialogo interno… e noterai i risultati sorprendenti!!! Se invece non hai idea di ciò di cui sto parlando, vieni a trovarci qui :-)

Buon lavoro!

Tags: , , ,
| Commenti (9)



9 Commenti per: “Come superare la paura del giudizio e delle critiche con la PNL”



  1. Anto

    Grazie Alle, bellissimo il tuo articolo, condivido tutto quello che dici. Non sempre è semplice 1° essere consapevoli di questo, 2° riuscire a vivere la vita seguendo il proprio cuore. Spesso manca l’allineamento tra cuore e mente e quindi anzichè seguire il ns cuore seguiamo ciò che razionalmente pensiamo possa andare bene agli altri proprio perchè abbiamo paura di evenuali critiche o giudizi. La storiella che racconti è molto significativa e sarà molto utile!!Grazie ancora!!

  2. Alle

    Ciao Anto,
    grazie x il tuo commento. Già, non è per niente facile, ma anche questa capacità (come tutte le altre :-) ) va allenata… E quando ci riesci è un’altra vita… più leggera!
    Un abbraccio e a presto!

  3. Anto

    Assolutamente sì Alle, concordo pienamente anche perchè ne sono una diretta testimone. Un grosso bacio, a presto Anto

  4. monica

    Salve Alle(vedo che cosi’ la chiamano)fa proprio per me questa cosa:sono tormentata dal giudizio degli altri, e piu’ ne soffro piu’ ne vado a cercare.Per me è un lavoro durissimo credere in me stessa in questo momento e non ho grande aiuto da chi mi sta accanto.Help help help

  5. Steven

    Grazie Alle, bellissimo il tuo articolo, condivido tutto quello che dici. Non sempre è semplice 1° essere consapevoli di questo, 2° riuscire a vivere la vita seguendo il proprio cuore. Spesso manca l’allineamento tra cuore e mente e quindi anzichè seguire il ns cuore seguiamo ciò che razionalmente pensiamo possa andare bene agli altri proprio perchè abbiamo paura di evenuali critiche o giudizi. La storiella che racconti è molto significativa e sarà molto utile!!Grazie ancora!!
    +1

  6. Pnl Ekis » Blog Archive » Ci vogliono le palle per dire NO! PNL e coraggio - Alessandro Mora

    […] con la paura del giudizio o del non essere accettati (a tal proposito ti invito a leggere questo articolo che ho pubblicato qualche tempo […]

  7. erika

    bellissimo ale…e vero che difficile e vivere senza fare caso a quello che senti su di te.
    grazie per la storiela.

  8. Davide

    Ciao, é il primo “articolo” suo che leggo ho 15 anni e spesso davanti ad una critica sto zitto, ultimamente ho provato a tirare fuori il lato “cattivo” sn ricorso anche all’uso delle mani cosa che forse un tempo non avrei mai potuto fare e pultroppo non per fare il saggio 15enne ho inteso che nel mondo di bontà ce ne davvero poca…qualche consiglio? anche semplicemente per migliorarmi…..
    grazie in anticipo, Davide

  9. Alessandro Mora

    Ciao Davide,
    innanzitutto benvenuto sul mio blog :-)
    Ti butto lì un’idea pur non conoscendoti: molto spesso se una critica arriva a farti arrabbiare fin tanto da alzare le mani su qualcuno, è facile che abbia un fondo di verità…
    Mi spiego meglio: se io ti dicessi che sei un “extraterrestre” tu non ti arrabbieresti… perché sai che non è vero (e probabilmente avresti dubbi sulla mia sanità mentale 😉 ). Quando invece ci muovono una critica che in qualche modo ci fa “risuonare”, ecco che probabilmente ne riscontriamo una parte di verità e ci scagliamo contro la persona che ce l’ha mossa per difenderci…
    Nel mio articolo parlo di evitare di farsi influenzare dalla critica e dal giudizio… ma ricorda che se più persone ti fanno notare la stessa cosa, magari loro vedono qualcosa che in questo momento tu non vedi.
    Crescere significa anche mettere in discussione ogni tanto qualche nostro comportamento.
    Credo personalmente che nel mondo bontà e cattiveria si equivalgano… basta cercare nei posti e nelle persone giuste.
    Se frequenterai più spesso questo blog troverai un po’ di sana energia da prendere.
    In bocca al lupo e fammi sapere 😉

Corsi di PNL Ekis

Master in Coaching