Dove vuoi andare? Direzioni ben formate in PNL

6 January, 2010

Nello scorso post abbiamo visto come la PNL ci aiuta a verificare se un obiettivo è ben formato.
Sono partito dicendo “anno nuovo, propositi nuovi e tanta voglia di cominciare”. Bene, oggi vorrei darti qualche ulteriore spunto per utilizzare bene questa energia evitando di essere una di quelle persone che la perdono dopo qualche giorno appena ricominciato il tran tran quotidiano.

Tanto per iniziare la parola proposito non ti aiuta… infatti si tratta di una nominalizzazione (ossia un verbo che originariamente esprimeva un processo e che viene trasformato in un nome statico)… e, come credo avrai già sperimentato nella tua vita, con la staticità si ottiene proprio poco: occorre AGIRE!

Invece di fare propositi, inizia a stabilire delle direzioni. Prendi i tuoi obiettivi, le attività che ci sono da fare, i comportamenti e vedi te stesso mentre fai queste azioni nel futuro… iniziando proprio da ora.

Usa il potere della tua mente:

1) Pensa ai tuoi comportamenti (ricorda la regola numero 2 degli obiettivi ben formulati del post precedente) che ti permetteranno di ottenere ciò che vuoi.

2) Guarda te stesso (dissociato) mentre li fai in pratica.

3) Poi entra dentro te stesso (associato) e nota come stai. Usa tutti e 5 i sensi (cosa vedi, senti, provi, annusi, gusti) in modo da capire esattamente cosa ti aspetta e quanto ti piace. Ricordi la regola numero 4 del post precedente?

4) Esci fuori da te stesso (dissociato nuovamente) e guardati ancora mentre stai agendo.

Stabilisci la tua direzione! Richard Bandler sottolinea sempre di considerare le direzioni oltre che gli obiettivi: quando raggiungi un obiettivo è finita lì. Mentre quando ti stai muovendo in una direzione, questo diventa un processo di continua e costante evoluzione personale: stai meglio, ti comporti in modo migliore, ottieni risultati sempre migliori e, in definitiva, diventi una persona migliore.

John La Valle (presidente della Society of NLP – Richard Bandler) ripete continuamente: il conto in banca, la bella casa, la macchina nuova fiammante sono solo delle cose, delle ricompense che ti vengono date per i tuoi comportamenti. Fa in modo che i tuoi obiettivi siano guidati dai tuoi comportamenti, focalizzati su questi in modo che tu sappia come raggiungere quelle ricompense. E soprattutto perché magari qualcuno nel futuro ti potrà portare via la bella macchina, la casa o il conto corrente, ma se hai fatto tuoi i comportamenti potrai ricreare tutto ciò che desideri.

Parlando di direzioni, ti lascio con questo video che mi ha consigliato proprio John La Valle. Dura solo poco più di un minuto e può essere molto illuminante… buona visione.

Tags: , , , , , ,
| Commenti (8)



8 Commenti per: “Dove vuoi andare? Direzioni ben formate in PNL”



  1. mel matteo

    già! direzione anzichè proposito ed obiettivo! questa la aggiungo subito al mio sapere e metto in pratica da oggi stesso… riscrivo subito i miei “propositi”… ehm, DIREZIONI per il 2010! peccato che non sono riuscito a comprendere il video perchè gli inglesi, che sono stati dominio Romano, non parlano come noi, quindi non si fanno capire!

  2. Alessandro Mora

    Urka… adesso guardo se lo trovo in Italiano… :-)

  3. Silvia

    Video meraviglioso, mitico John!
    Ciò che mi ha emozionato di più non è stato tanto il suo contenuto quanto piuttosto la duplice percezione che ha creato in me considerarlo nelle due direzioni: prima senso di impotenza e poi un forte senso di speranza. In particolare mi ha colpito molto l’emozione crescente che ho sentito man mano che mi rendevo conto che esisteva un altro senso in quelle parole. Tante volte è facile credere di non avere che un modo per interpretare ciò che ci accade…
    La magia che ricavo da questo video sta proprio nel fatto che dimostra che ci si può dare sempre più di una chance per interpretare il senso delle cose. Specie quando quello che ci capita non ci piace. Almeno ci diamo la possibilità di scegliere di influenzare produttivamente la nostra percezione della realtà! Da oggi se mai mi dovesse capitare di trovarmi in una situazione che mi sembra senza uscita penserò a questo video e la osserverò da un’altra direzione!:-)

  4. Cos’è il potere personale? PNL, consapevolezza e… | Coaching per te

    […] In quest’ottica la “capacità di agire” viene spinta in una direzione ben precisa. Hai bisogno di ragionare nei termini del dove vuoi andare! […]

  5. Pnl Ekis » Blog Archive » Cos’è il potere personale? PNL, consapevolezza e… - Alessandro Mora

    […] In quest’ottica la “capacità di agire” viene spinta in una direzione ben precisa. Hai bisogno di ragionare nei termini del dove vuoi andare! […]

  6. mario

    Salve, volevo chiedere quale fosse la differenza tra obiettivo e direzione… per esempio la direzione puó essere: migliorare le relazioni interpersonali; gli obiettivi: migliorare il mio rapporto con tizio; migliorare il mio rapporto con caio; essere piú disponibile co sempronio.
    Giusto?
    Grazie per l’attenzione

  7. Alle

    Salve Mario,

    sì, quella può essere un’ottima distinzione. Poi si può lavorare addirittura un pelo meglio sul cosa significhi “migliorare le relzioni” ma la sostanza è corretta.

    Un saluto.

  8. mario

    Oh sí sí. La ringrazio veramente tanto per la risposta celere ed esaustiva e colgo anche l’occasione per complimentarmi del suo blog.

Corsi di PNL Ekis

Master in Coaching