Parole e PNL: Famiglia Cristiana contro Fiorello e Benigni

8 December, 2011

Parole, parole, parole… cantava Mina negli anni settanta… ed è proprio in quest’epoca che mi sembra di essere ritornato dopo quello che ho appena letto su twitter. Quando i giovani Bandler e Grinder creavano la Programmazione Neuro Linguistica (PNL).

Parto dall’inizio. Nell’ultima puntata dello show di Fiorello “Il più grande spettacolo dopo il weekend”, Fiore ha ironizzato su una presunta direttiva interna RAI in base alla quale non bisognava usare in tv la parola “profilattico” in occasione della giornata mondiale per la lotta all’Aids.

Se non l’hai visto, questo è il passaggio:

Già mentre lo ascoltavo pensavo “non è vero, non possono aver fatto girare una simile stupidaggine…” e infatti era arrivata immediata la smentita dell’ufficio stampa del Ministero della Salute (purtroppo dopo che la mail aveva già fatto il giro del web :-) ).

Ed ecco Famiglia Cristiana che, indignata, critica fortemente Fiorello dopo lo show e scrive:
“… pronuncia la parola vietata, profilattico, e per di più ne fa una tematica da coro, coinvolgendo un pubblico che davvero non sapeva di dover osare tanto”.

Cosaaaaa??? Una PAROLA vietata??? Il pubblico “non sapeva di dover OSARE tanto”???
Ma stiamo scherzando?

Perché, se non la usi significa che non esiste? Non dire la parola eliminerebbe il “problema” (che in questo caso non è neppure tale)?
Mi sembra molto come il “non guardo il professore così non mi vede e non mi interroga” :-)
Ma dietro cosa si stanno nascondendo?

Credo che il linguaggio sia qualcosa che possiamo e dobbiamo usare per evolverci, per chiarirci e per iniziare a diventare più liberi. I problemi nascono proprio quando le persone hanno dei tabù, non parlano degli argomenti per vergogna o per paura!

Quando sento che, con ciò che sta accadendo sul nostro pianeta, alcune persone iniziano ad infastidirsi per l’uso di certe parole, penso che debbano svegliarsi (tema affrontato proprio domenica scorsa al Beautiful Day) e iniziare seriamente a valutare le cose…

“… Trasformare una simile dialettica in cori ridanciani, invitare il pubblico a sghignazzare, tirarla lunga con battute e allusioni, scivolare sul pruriginoso, questa non è trasgressione. È goliardia retrodatata, cattivo gusto. E mancanza di rispetto per le famiglie, a cominciare da quei tanti ragazzi che d’abitudine non seguono la tv ma accorrono quando c’è Fiorello. Che non sa di essere in cattedra e, per una volta che fa lezione, straparla”.

Onestamente credo che “alleggerire” certi temi dall’alone di seriosità possa fare avvicinare le persone a determinate problematiche anziché allontanarle…

Le parole non hanno nessun potere se non quello che attribuiscono loro le persone. I significati li diamo noi. Siamo noi che ci offendiamo… oppure no!
Allora W il “SALVALAVITAPISCHELLI” :-) perché se non hai senso dell’umorismo, ai giorni nostri, sei nella cacca fino al collo.

Ops… ho usato l’altra brutta parola…
“… fa cantare a Benigni l’elogio della cacca e dei suoi modi di produzione, creando una breccia nel conformismo imperante…”

E allora finisco questo articolo proprio così! Buona visione 😉

Tags: , , , , , , , ,
| Commenti (7)



7 Commenti per: “Parole e PNL: Famiglia Cristiana contro Fiorello e Benigni”



  1. Giuse Coach

    Che dire… hai esattamente colto il momento e lo hai spogliato delle sovrastrutture, dandone una interpretazione tanto semplice quanto diretta e di grande valore!

    A prescindere dai protagonisti della vicenda, hai colto nel segno nel dire che l’alone di SERIOSITA’ spessissimo rende alcune tematiche dei Tabù.

    Basterebbe farci un sorriso e tutto sarebbe molto più semplice… e a proposito di questo, ti consiglio di dare un occhio qui:
    http://www.coachingbreak.com/il-piu-grande-strumento-di-mental-coaching
    XD

    Sei Forte!!!

  2. Alessandro Mora

    Cosa dirti caro Giuse che non ti abbia già detto… :-)
    Grazie del commento e ora corro subito a leggere il tuo post 😉

    Alle

  3. ROBERTO

    SBAGLIATO ALESSANDRO!!! AI GIORNI NOSTRI, SIAMO NELLA CACCA FINO AL COLLO ANCHE CON IL SENSO DELL’UMORISMO…:-))))

  4. Alessandro Mora

    Hihihihi… non me lo dire Roberto, ho un collega inglese che quando facciamo i corsi a Londra si è preso l’impegno di raccontarmi ogni giorno una barzelletta… :-)

    In realtà lo spunto è proprio quello di allenarci a ridere di più… che poi sia Fiorello, Benigni o più semplicemente una battuta con il commesso del supermercato poco importa!

    E soprattutto l’autoironia e il non prendersi troppo sul serio fanno la grande differenza!

    Un salutone

  5. Luca

    Il problema e che si da ancora per scontato che il pubblico televisivo non abbia una propria autonomia intellettuale: ma era un presupposto che poteva starci negli anni 50/60!! Non certo nell’era dell’informazione :-) Pensa poi con la legge dell’attrazione chi resta a guardare la tv?!

  6. Alessandro Mora

    :-) verissimo Luca :-)

  7. Gigi

    salve a tutti. Mi chiamo Gigi, giovanotto 55enne con i suoi primi 32 anni di vendita alle spalle e, forse, altri 32 davanti. Grazie a Dio ho Monica al mio fianco,da 27 anni.
    Bello, ho fatto il paracaduista.
    Grande: ho conosciuto in un breve, ma toccante, “full-immersion” due vostre ragazze, belle & brave. Ero andato a vedere stà EKIS, dicevo,ma chi minkia sarà EKIS…
    Gesù, dopo aver visto un pò di voi e letto del grande Alessandro. Le vs. 2 ragazze mi han smosso il mio io.
    Chi sono io? Un debole che ha forza da vendere.Un debole più volte sul podio. Un debole che ha convinzioni precise. Un debole che non cede alla prima scivolta sul ring.
    Più volte primo d’Italia sulla vendita, ho sempre amato fare competizione, specie con me stesso. (De Couberten non fà x me). Faccio anche reti-vendita ma son sempre fuori righe essendo un talento naturale. Forse sono un grande, lo diranno…postumo?!?
    Certo sono un boss della vendita, benchè abbia 12 corsi di marketing alle spalle ed il FAD di lAUREA MKTG bell’è che fermo. Studio Kotler,Nietsche ed altri. Scuola USA.
    Cosa dire della EKIS??? Grande famiglia, bravissimi, preparati, fortissimi.Prima o poi verrò da voi, abbiate fede.
    Ciao a tutti.GIGI.
    Ah! Non devi provare, devi fare!!!

Corsi di PNL Ekis

Master in Coaching