The Fun Theory: PNL e divertimento

20 December, 2009

Il giornalista Norman Cousins ne ha fatto uno slogan negli anni ottanta. Il dott. Patch Adams ha introdotto questa idea nella medicina convenzionale. Silvia ce l’ha ricordato nell’ultimo post e, se ciò non bastasse, già da qualche tempo è stato dimostrato scientificamente dalla psico-neuro-endocrino-immunologia (PNEI) e dalla gelotologia: DIVERTIRSI FA BENE :-)

Ormai è risaputo da tutti, eppure vedo tantissime persone che girano per strada con le facce scure e contratte. Per molta gente quella è purtroppo diventata l’espressione di default e la cosa più preoccupante è che ne scaturisce una serie di emozioni che condizionano il nostro modo di pensare e i nostri comportamenti. Pensaci: se oggi scegliessi di uscire di casa radioso e sorridente potresti addirittura incontrare persone che ti dicono “…zzo c’hai da ridere?”. È un paradosso!

John La Valle (presidente della Society of NLP – Richard Bandler) inizia sempre i suoi corsi con una domanda: “Chi tra di voi vuole sentirsi bene senza nessuna ragione?”… Sentirsi bene senza nessuna ragione, un concetto che amo! Come direbbe Covey potremmo fare un bel salto di paradigma e, incontrando gli amici per strada, chiedere loro: “…zzo c’hai da stare arrabbiato?”.

Quanto è contagiosa una bella risata? :-) Se iniziassimo a stare bene senza nessuna ragione ed eventualmente ad essere scuri e contratti solo se c’è un motivo per cui realmente ne valga la pena, sono sicuro che cambierebbe la qualità delle nostre giornate.
Come dice il mio amico e collega Livio Sgarbi: “Vuoi che il tuo lavoro e la tua vita ti diano passione, gioia e divertimento? C’è un unico modo: metti passione, gioia e divertimento nel tuo lavoro e in ciò che fai ogni giorno della tua vita!”.

Forse obietterai: sì vabbè, facile a dirsi, ma come farlo?

Guarda come queste persone hanno applicato questo concetto nel sociale e i risultati che hanno ottenuto. Si chiama “The Fun Theory”. Ovviamente queste sono “piccole cose” ma, se portate nella tua quotidiana realtà, possono fare una grande differenza.

Quando ti diverti il tuo mondo cambia.

Vediamo qualche spunto:

Ti piace la musica? Fatti la tua colonna sonora divertente e tienila in sottofondo mentre lavori e mentre fai le tue cose quotidiane. Se per qualche ragione non puoi, usa l’ipod che hai nel cervello :-) se riesci a riprodurre nella tua testa le parole e il tono di chi ti fa arrabbiare, non avrai problemi ad ascoltare le canzoni che ti piacciono a ripetizione: mi sembra un’idea più furba 😉

Metti come suoneria del cellulare una musica che ti faccia sorridere :-) io lo faccio sempre quando il telefono inizia a squillare troppo spesso…

In ufficio: metti sulla tua scrivania qualcosa di divertente, una bella ancora che ti faccia stare bene appena la guardi. Usa immagini divertenti come sfondo del desktop (e del cellulare).

In palestra: vacci con un amico divertente, uno di quelli che ti fa sorridere appena lo guardi in faccia. E fai qualcosa di divertente dopo ogni seduta.

Con gli amici: racconta barzellette. Usa l’autoironia (è una delle più grandi risorse che abbiamo!).

Guarda film e spettacoli divertenti. Non sempre solo roba impegnata o drammi o tg… che palle!

Fatti la domanda più intelligente di tutte: come posso divertirmi mentre faccio quello che sto facendo?

Semplicemente… SORRIDI! Anche la famosa risata “finta e non spontanea” produce quella biochimica che ti porta tutti gli effetti benefici di cui hai sentito parlare migliaia di volte! Infatti basta solo il movimento muscolare, gli angoli della bocca che si muovono verso l’alto… dai che si va! :-)

E soprattutto se tu sei una di quelle persone che sta vivendo un momento non proprio bello e magari chi ti sta accanto ti sta dicendo qualcosa tipo “un giorno, quando ti volterai indietro a pensare a questo momento ti verrà da ridere….” dico: perché aspettare un giorno? Fallo subito e nota come tutto cambia ora…

Tags: , , , , ,
| Commenti (7)



7 Commenti per: “The Fun Theory: PNL e divertimento”



  1. Silvia

    Hai detto una Grande Verità Alle! Amo questo articolo alla follia! Il bimbetto del video poi mi fa sganasciare 😀

    Hey ne ho un altro… questo bambino ha proprio capito tutto sull’essere arrabbiati… vai su youtube e digita sulla barra di ricerca: The Evil Baby oppure copia sul tuo browser il seguente link: http://www.youtube.com/watch?v=o_U7TXqwCJc&feature=PlayList&p=4E41742EC2ECFAE9&playnext=1&playnext_from=PL&index=39

    Baci!

  2. Alessandro Mora

    Meraviglioso “lo sguardo cattivo” :-)
    Un po’ come la faccia brutta della nostra Alice. Che belli i bimbi!!!

  3. Gilberto

    Hahahahahahahahahahaha…..figatissima!!!! I tuoi articoli sono sempre qualcosa di speciale. Buon Natale e uno straordinario 2010 per te e tutti quelli che leggono.

  4. mel matteo

    bellissimo articolo… permettimi il link!!! diamo più energia a quaesto concetto unendo le forze… ehm, cioè… unendo i Blog!

    ;-p

    http://www.studiowellness.it/2009/08/e-fatte-na-risata-d/

  5. Alessandro Mora

    Molto volentieri Matte… uniamo uniamo!!!

  6. Pnl Ekis » Blog Archive » È seriamente ora di divertirsi! PNL al lavoro e nella vita - Alessandro Mora

    […] del benessere nel nostro ambiente di lavoro in Ekis. Qualche tempo fa pubblicavo un articolo sulla fun theory e anche il mitico Coach Giuse nel suo blog suggeriva recentemente di creare ambienti felici attorno […]

  7. È seriamente ora di divertirsi! PNL al lavoro e nella vita | Coaching per te

    […] tempo fa pubblicavo un articolo sulla fun theory e anche il mitico Coach Giuse nel suo blog suggeriva recentemente di creare ambienti felici attorno […]

Corsi di PNL Ekis

Master in Coaching